Isole Samoa: sisma 8.3 e tsunami

Sisma e tsunami nelle isole Samoa: 63 le vittime accertateSono almeno 63 i morti e molti di più i feriti in seguito al sisma di magnitudo 8.3 registrato fra le Samoa occidentali e le Samoa americane, che ha generato uno tsunami con onde oltre gli otto metri d’altezza. Si teme che il conto superi presto la cifra di 100 vittime. Il sisma è avvenuto alle 19,48 circa, ora italiana (le 6,48 di mercoledì 30 settembre ora locale) nell’oceano Pacifico a circa 200 km a sud-ovest delle isole Samoa, con epicentro a 18 chilometri di profondità.

Non risultano, al momento, cittadini italiani tra le vittime provocate dallo tsunami. Sedici nostri connazionali sono rimasti illesi quando l’onda anomala ha colpito la Samoa americana. Lo rendono noto le ambasciate d’Italia in Nuova Zelanda e Australia, secondo quanto riferisce la Farnesina. Le rappresentanze diplomatiche italiane nell’area continuano a monitorare la situazione in stretto contatto con l’unità di crisi della Farnesina. Un nuovo allarme tsunami è stato lanciato nell’arcipelago poche ore dopo l’onda anomala provocata dal sisma, lo ha reso noto la radio di Stato della Nuova Zelanda, citando testimonianze locali.

Obama: “Stato di disastro” – Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha proclamato lo stato di disastro nelle isole colpite dal sisma di straordinaria intensità, l’allarme tsunami è rientrato per quanto riguarda le vicine isole Hawaii. Obama ha ordinato alle agenzie federali l’invio immediato delle risorse necessarie “per i soccorsi e per le opere di ricostruzione”. Le operazioni di soccorso vedono interagire americani, australiani e neozelandesi. La Fema (Federal Emergency Management Agency), l’ente federale americano per l’emergenza civile, ha annunciato l’invio delle due squadre che avranno il compito di portare soccorsi e di valutare gli aiuti necessari. Un portavoce della Faa (Federal Aviation Administration), l’ente per l’aviazione civile, ha detto che è satto stabilito un contatto con l’Aeroporto internazionale di Pago Pago per avere la certezza che almeno una pista di atterraggio sia disponibile per l’invio di aerei cargo con i soccorsi necessari. “I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a tutti gli abitanti delle Samoa Americane e a tutti coloro che nella regione sono stati colpiti da questo disastro naturale”, ha affermato il ministro dell’Interno americano, Ken Salazar.

Il ricordo del disastro del 2004 – Gli allarmi tsunami, dopo forti terremoti, sono strettamente applicati dopo che il 6 dicembre 2004 un devastante maremoto uccise in Asia oltre 230 mila persone in undici paesi diversi. Quel sisma durò circa dieci minuti con magnitudo di 9.0 della scala Richter. Nelle Samoa americane, dove vi sono stati almeno 14 morti, lo tsunami ha distrutto l’unico Parco Nazionale Americano a sud dell’Equatore. Il centro visitatori ha 15 dipendenti ed una trentina di volontari. Gli abitanti dell’isola principale, Tutuila, hanno cercato di trovare rifugio più lontano possibile dalla costa. Almeno quattro villaggi dell’isola sono stati rasi al suolo dall’ondata che ha causato diverse vittime. Il terremoto ha colpito le isole del pacifico all’alba, poco prima delle sette del mattino, cogliendo molte persone nel sonno. Danni gravi sono stati registrati anche in diversi villaggi delle Samoa Occidentali, compresi Talamoa e Sau Sau Beach Fale. Vittime sono state segnalate anche nei villaggi di Vailoa a Malaela. Il villaggio di Lalomanu è stato raso al suolo. “E’ successo tutto molto rapidamente – ha raccontato un testimone oculare -. L’intero villaggio di Sau Sau Beach è stato raso al suolo. Non c’è una casa in piedi”. “Posso confermare che vi sono stati danni gravi – ha affermato un poliziotto di Samoa Occidentale -. Vi sono state diverse vittime e molti feriti”.

30 settembre 2009

Redazione Tiscali LINK

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: