Il mistero del volo 253 Amsterdam-Detroit

Un passeggero del Volo 253 racconta: un uomo ben vestito ha aiutato il sospetto terrorista Omar Farouk Abdul Mutallab a salire sull’aereo senza passaporto (esclusiva MLive.com)

di Sheena Harrison – MLive.com
26 dicembre 2009

Un uomo del Michigan, che era a bordo del Volo 253 (Northwest Airlines), dice di aver visto Omar Farouk Abdul Mutallab ad Amsterdam che cercava di salire a bordo dell’aereo senza passaporto. Kurt Haskell di Newport, Michigan, che ha postato un commento in precedenza a proposito della sua esperienza, ha parlato con MLive.com in esclusiva e ha confermato che era sul volo 253 e ci ha inviato una foto della sua carta d’imbarco. Lui e sua moglie Lori erano di ritorno da un safari in Uganda ed attendevano di salire a bordo del volo NWA di Venerdì.
Haskell afferma che lui e sua moglie sedevano a terra accanto al gate per l’imbarco dell’aeroporto di Amsterdam, quando videro Mutallab avvicinarsi al gate in compagnia di un altro uomo non identificato.

Lori and Kurt Haskell

Kurt e Lori Haskell sono avvocati presso lo studio legale Haskell di Taylor (Michigan, USA). La loro competenza comprende il diritto fallimentare, il diritto di famiglia e le pianificazioni successorie.

Haskell ha detto: “Mentre Mutallab era piuttosto malvestito, l’uomo in sua compagnia indossava un costoso completo”. Haskell afferma anche che l’uomo con il costoso completo ha chiesto agli addetti al controllo delle carte d’imbarco se Mutallab potesse salire a bordo dell’aereo senza il passaporto. Il tipo disse “E’ del Sudan, e lo facciamo sempre”. Ma Mutallab è nigeriano. Haskell crede che l’uomo stesse tentando di guadagnare il favore dei controllori per la mancanza di documenti facendolo passare per un rifugiato politico sudanese.”

“L’agente al controllo disse a Mutallab ed al suo accompagnatore di rivolgersi al loro capo, in fondo alla hall e da allora Haskell dice di non aver più visto Mutallab fino al suo presunto tentativo di far detonare, sull’aereo in volo, l’esplosivo”.

Haskell ha detto che per gran parte del volo non è successo nulla di rilevante. Questo fino a quando ha sentito un assistente di volo parlare di odore di fumo, e subito dopo il pilota ha annunciato che l’aereo sarebbe atterrato a Detroit in 10 minuti. Haskell è uscito dal suo posto per vedere a cosa fosse dovuta quell’agitazione. “Mi sono alzato e ho fatto un paio di passi avanti per avere una visione più chiara ed è in quel momento che ho visto le fiamme”, ha detto Haskell, che sedeva  sette posti dietro Mutallab. “E’ iniziato a diffondersi piuttosto rapidamente. E’ andato su per il muro fino al soffitto.”

Haskell, che ha descritto Mutallab come un uomo piccolo che sembrava un adolescente, ha detto che sono trascorsi circa 30 secondi tra la prima menzione di fumo fino a quando Mutallab è stato bloccato da alcuni compagni di viaggio. “Lui non ha reagito affatto. Questa non è stata una grande rissa”, ha detto Haskell. “Una coppia di ragazzi è saltata su di lui e lo hanno trascinato via.”

Questa faccenda ha scosso un po’ Haskell e sua moglie. Gli assistenti di volo hanno urlato durante l’incendio e il pilota sembrava particolarmente nervoso quando ha dovuto atterrare. “Immediatamente, il pilota è venuto su e ha detto due parole: atterraggio d’emergenza”, ha detto Haskell. “E questo è tutto. L’aereo ha accelerato invece di rallentare.”

Nel momento in cui Mutallab veniva portato fuori in manette, Haskell si è reso conto che era lo stesso uomo che vide cercare di salire sull’aereo ad Amsterdam.
I passeggeri hanno dovuto attendere circa 20 minuti prima di avere il permesso di uscire. Haskell ha detto che lui e gli altri passeggeri hanno aspettato circa sei ore prima di avere un colloquio con l’FBI.
Circa un’ora dopo l’atterraggio, Haskell ha detto di aver visto un altro uomo che veniva preso in custodia. Ma un portavoce dell’FBI di Detroit ha detto che Mutallab è stata l’unica persona presa in custodia.

Fonte

Traduzione: Code Name Jumper

LA STORIA CONTINUA QUI

http://wp.me/plKDA-zT

Share

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...