L’Homo Sapiens forse si estinguerà entro 100 anni

Frank Fenner non vede alcuna speranza per l’uomo
Cheryl Jones – June 16, 2010

Per Frank Fenner la prova del riscaldamento globale esiste già. Per lui il nostro destino è scritto. “Ci stiamo estinguendo”, dice l’eminente scienziato. “Qualunque cosa facciamo ora è troppo tardi”.

Fenner è un’autorità in fatto di estinzioni. Il professore emerito in microbiologia presso l’Australian National University ha svolto un ruolo guida nello studio del “Variola Virus” che provoca il vaiolo. Ha lavorato anche sul Mixoma Virus che soppresse le popolazioni del coniglio selvatico nei terreni agricoli dell’Australia sud-orientale nei primi anni cinquanta.

Recentemente ha rilasciato un’intervista nella sua casa in un sobborgo di Canberra. Ora 95enne rilascia raramente interviste. Ma fino a poco tempo si recava al lavoro ogni giorno presso la ANU (John Curtin School of Medical Research) di cui fu direttore dal 1967 al 1973.

Decenni dopo il suo ritiro ufficiale dal Centro per le Risorse e Studi Ambientali, che ha istituito nel 1973, ha continuato la routine stabilita quando stava lavorando con strutture di livello internazionale.
Si metteva a lavorare alle 6:30 del mattino e per un paio di ore scriveva libri di testo prima che il resto del personale fosse arrivato.

Fenner, membro della Australian Academy of Science e della Royal Society, ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti. Ha pubblicato centinaia di articoli scientifici e scritto o co-scritto 22 libri.

Recupera alcuni dei libri dalla sua biblioteca. Uno di quelli è sul vaiolo: pesa 3,5 kg. Un altro, sulla mixomatosi, è stato ristampato dalla Cambridge University Press l’anno scorso, 44 anni dopo della stampa della prima edizione. Fenner è al settimo cielo, ma deluso dal fatto che non potrebbe aggiornarlo con la ricerca confermando che i conigli selvatici hanno sviluppato la resistenza all’agente di controllo biologico.
Lo studio ha mostrato che la mixomatosi ha un tasso di mortalità molto inferiore nei conigli allo stato brado piuttosto che in quelli di laboratorio che mai erano stati esposti al virus.
“I conigli [selvatici] hanno mutato da soli”, dice Fenner.
“È stato un cambiamento evolutivo dei conigli”.

Il fascino per la sua profonda comprensione dell’evoluzione non è mai diminuito con l’osservazione sul campo. Tale comprensione fu modellata da studi a tutti i livelli, dal livello molecolare all’ecosistema ed ai livelli planetari.

Fenner originariamente voleva diventare un geologo ma, su consiglio del padre, studiò medicina, e si laureò presso l’Università di Adelaide nel 1938. Trascorse il suo tempo libero studiando crani con l’esperto preistorico Norman Tindale.

Subito dopo la laurea, si unì alla Royal Australian Army Medical Corps, servendo in Egitto e in Papua Nuova Guinea. Fu accreditato in parte con la vittoria dell’Australia in Nuova Guinea a causa del suo lavoro per controllare la malaria tra le truppe.

“Ciò cambiò il mio interesse dal guardanre teschi alla microbiologia e virologia”, dice. Ma le sue ricerche successive in virologia, concentrandosi sul virus del vaiolo, lo portarono allo studio delle dinamiche epidemiologiche e della popolazione ed egli avrebbe presto focalizzato le specie, tra cui la nostra, sotto il contesto ecologico.
Il suo punto di vista biologico è anche geologico.
Scrisse le sue prime carte sull’ambiente nei primi anni settanta, quando l’impatto umano stava emergendo come un grosso problema.
Fenner dice che la Terra è entrata nell’Antropocene. Anche se non è un’epoca ufficiale sulla scala cronologica geologica, l’Antropocene sta entrando nella terminologia scientifica. Questa si estende dall’industrializzazione, quando la nostra specie ha iniziato a rivaleggiare le ere glaciali e dell’impatto della cometa guida il clima su scala planetaria.

Fenner dice che il vero problema è l’esplosione demografica e il “consumo sfrenato”.
I numeri dell’Homo sapiens sono proiettati a superare i 6,9 miliardi di quest’anno, secondo l’ONU. Con i ritardi per un’azione decisa sul taglio delle emissioni di gas a effetto serra, Fenner è pessimista.
“Dovremo subire la stessa sorte del popolo sull’isola di Pasqua”, dice. “Il cambiamento climatico è solo all’inizio. Ma stiamo vedendo già notevoli cambiamenti nel tempo”.
“Gli aborigeni hanno dimostrato che senza la scienza e la produzione di biossido di carbonio e il riscaldamento globale, essi potrebbero sopravvivere per 40.000 o 50.000 anni. Ma non tutto il mondo. La specie umana rischia di finire allo stesso modo di molte specie che abbiamo visto scomparire.
“L’Homo Sapiens si estinguerà, forse entro 100 anni,” dice. “Sarà lo stesso per un sacco di altri animali. È una situazione irreversibile. Credo che sia troppo tardi. Cerco di non esternarlo perché ci sono persone che stanno cercando di fare qualcosa, ma continuano a rimandare.
“Attenuare il problema potrebbe rallentare le cose per un po’, ma già ci sono troppe persone”.

È un’opinione condivisa da alcuni scienziati ma soffocata tra gli scettici e i credenti del cambiamento climatico.

Il collega e amico di lunga vita di Fenner, Stephen Boyden, un professore in pensione presso l’ANU, dice che c’è profondo pessimismo tra alcuni ecologisti, ma altri sono più ottimisti.
“Frank può aver ragione, ma alcuni di noi ancora nutrono la speranza che si realizzerà una consapevolezza della situazione e, di conseguenza, il rivoluzionario cambiamento necessario per raggiungere la sostenibilità ecologica”, dice Boyden, un immunologo che alla fine della sua carriera si è dedicato alla ecologia umana.
“Ecco dove Frank ed io differiamo. Siamo entrambi consapevoli della gravità della situazione, ma non accetto che sia necessariamente troppo tardi. Dal momento che c’è un barlume di speranza vale la pena lavorare per risolvere il problema. Abbiamo la conoscenza scientifica per farlo ma non abbiamo la volontà politica”.
Fenner aprirà il Simposio “Healthy Climate, Planet and People” presso la Australian Academy of Science la settimana prossima, come parte di una serie di conferenze (AAS Fenner), destinate a colmare il divario tra scienza ambientale e politica.

Nel 1980, Fenner ha avuto l’onore di annunciare l’eradicazione globale del vaiolo all’Assemblea dell’ONU. La malattia è l’unica che è stata debellata.
Trent’anni dopo quell’occasione, la sua visione è notevolmente diversa e include il caos di una specie sull’orlo dell’estinzione di massa.
“Se la popolazione continuerà a crescere fino a sette, otto o nove miliardi, vi saranno molte più guerre per gli alimenti”, dice.
“I nipoti delle generazioni di oggi dovranno affrontare un mondo molto più difficile”.

FONTE

traduzione: CNJ

Share

Annunci

One thought on “L’Homo Sapiens forse si estinguerà entro 100 anni”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...