Hordur Torfason e la Rivoluzione Silenziosa d’Islanda

A 66 anni Hordur Torfason (Islanda) è diventato il leader della rivoluzione silenziosa contro la finanza globale. E’ successo in Islanda con una popolazione di 320.000 abitanti su una superficie granda un terzo dell’Italia. Nell’ottobre del 2008 falliscono le 3 maggiori banche del paese, travolte dalla crisi dei subprime non riescono a ripagare i creditori stranieri e vengono nazionalizzate dal Governo del conservatore Geir Haarde. Come da prassi il Governo in bancarotta accetta gli aiuti del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Centrale Europea per far fronte ai debiti. 3,5 miliardi di euro che intende chiedere agli islandesi con una manovra fiscale da 100 euro al mese a famiglia per 15 anni. Ma alla socializzazione del debito l’Islanda risponde no. 14 settimane di manifestazioni portano alle dimissioni del Governo a nuove elezioni e a referendum. Con il 93% dei voti l’Islanda decide di non pagare i debiti contratti da banche private nei confronti di altri privati. FONTE LA7

Leggi anche: L’Islanda si libera del Fondo Monetario Internazionale

Annunci

2 Responses to Hordur Torfason e la Rivoluzione Silenziosa d’Islanda

  1. Pingback: Franz’s Blog > Da Code Name: Jumper: Hordur Torfason e la Rivoluzione Silenziosa d’Islanda

  2. tapping says:

    An interesting discussion is worth comment. I think that you should write more on this topic, it might not be a taboo subject but generally people are not enough to speak on such topics. To the next. Cheers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: