La scomparsa del polimero Starlite di Maurice Ward

INVENTORE DILETTANTE SCONCERTA IL MONDO CON LA SUA FANTASTICA PLASTICA

Un ex parrucchiere dello Yorkshire ha sconcertato la comunità scientifica e militare di tutto il mondo producendo un magico pezzo di plastica, talmente resìstente da poter resistere al calore di un’esplosione nucleare. Esperimenti condotti presso lo Stabilimento Armi Atomiche del Ministero della Difesa (MoD). presso Foulness, nel Sussex, e da scienziati della NATO presso il poligono missilistico statunitense di White Sands. nel New Mexico. hanno mostrato che la sostanza resisteva alle simulazioni di lampi nucleari che hanno generato temperature superiori a 1.000CC.
I risultati dei test, pubblicati per la prima volta su Jane’s International Defenee Review, stanno portando le prudenti comunità scientifiche di entrambi i lati dell’Atlantico ad una strana ed umiliante conclusione: che un inventore inglese senza alcun titolo accademico ha armeggiato per alcuni anni nel suo laboratorio, trovando casualmente un segreto per il quale i fisici nucleari hanno speso decenni dì ricerche.
Inizialmente liquidato come un tipo strambo con la fissazione della plastica, Maurice Ward adesso si ritrova ad essere il festeggiato dei compiessi industriali-militari di Gran Bretagna e Stati Uniti, grazie al polimero che egli chiama Starlite.

Continua a leggere

Annunci